Cersaie 2021: tutte le novità dal mondo della ceramica

Per coloro che stanno progettando una casa da sogno, lo scorso settembre è stato un mese cruciale per conoscere tutti i nuovi trend nel mondo dell’interior design. Partendo dal Salone del Mobile di Milano che quest’anno si è presentato in una veste totalmente inedita, e concludendo in bellezza con il Cersaie. Due eventi simbolo di un’Italia che vuole tornare a raccontare il suo lato creativo ed innovativo in due settori dove il Made in Italy è indiscutibilmente sinonimo di qualità e prestigio.

Ripresa con grande slancio per il Salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno, il Cersaie di Bologna

Dopo la pausa forzata dell’anno scorso causa lockdown, l’edizione 2021 di Cersaie si è presentata con ben 600 stand da visitare, allestiti da aziende provenienti da 26 paesi diversi. La voglia di ricominciare c’è, e si è vista, girando tra i vari padiglioni affollati di giornalisti, architetti, progettisti e contractor.

Tantissimi i prodotti esposti in anteprima, che anticipano le tendenze nel campo delle superfici, dell’arredobagno, del design e della progettazione. Dalle piastrelle all’arredo, passando per i complementi, fino alle superfici, sempre più moderne, multifunzionali e ricercate. Un appuntamento che ha riaperto in grande stile, riportando un’energia creativa ricca di spunti, idee e tendenze, pronte ad arredare gli interni più contemporanei.

Cersaie 2021 ha completato i cinque giorni di fiera con oltre 62.000 presenze, di cui più di 24.000 operatori internazionali. Partecipazione al 56% del risultato complessivo 2019. La prossima edizione di Cersaie si terrà a Bologna dal 26 al 30 settembre 2022.

La 38ª edizione di Cersaie 2021 ha risposto alle migliori attese delle imprese che hanno creduto nella possibilità di investire in fiera, per tornare ad incontrare direttamente i propri clienti, presentandosi con le più recenti innovazioni di prodotto. Su quindici padiglioni del quartiere fieristico di Bologna interamente occupati – pari a 150.000 metri quadrati di superficie complessiva – hanno esposto 623 aziende, di cui 361 del comparto piastrelle di ceramica, 87 dell’arredobagno, 175 appartenenti ai settori della posa, delle materie prime, delle nuove superfici, delle attività di servizio. Una rassegna dalla forte connotazione internazionale, confermata dai 238 espositori esteri – pari al 38% del totale – e dai 28 paesi rappresentati.

“Sono convinto che gli investimenti fatti dai 623 espositori di Cersaie 2021 abbiano avuto il miglior ritorno possibile da una fiera che ha confermato la propria importanza nazionale ed internazionale presso i distributori, gli architetti, i posatori, gli operatori del real estate – dichiara Giovanni Savorani, Presidente di Confindustria Ceramica -. Il mercato della ceramica registra da diversi mesi una buona congiuntura sui diversi mercati, grazie alle caratteristiche di salubrità, igienicità e sostenibilità ambientale intrinseche ai nostri materiali e ad una crescente attenzione verso la qualità abitativa, che i nostri prodotti sono in grado di dare alla casa ed agli altri ambienti frequentati. Come abbiamo rappresentato agli esponenti delle istituzioni nazionali e territoriali che ci hanno prestato notevole attenzione con la loro visita in fiera, tale ripresa non può essere compromessa dai devastanti livelli raggiunti dai costi dell’energia, che richiedono urgenti interventi a livello UE”.

“L’ampio programma di eventi di Cersaie ha avuto una significativa partecipazione ed efficacia – ha rilevato Emilio Mussini, vice Presidente di Confindustria Ceramica alla guida delle Attività Promozionali e Fiere -. I quasi 600 partecipanti alla Lectio Magistralis del Pritzker Shigeru Ban, la presenza nella Contract Hall di dieci primari studi di architettura a livello italiano ed europeo, la mostra del progetto G124 voluto da Renzo Piano per la riqualificazione delle periferie con l’impegno di giovani architetti, i diciotto Caffè della Stampa nei cinque giorni, i seminari sulle lastre ceramiche alla Città della Posa, i 180 delegati del Cersaie Business – che sono venuti grazie alla preziosa collaborazione con ICE da alcuni dei nostri principali mercati quali Germania, Nord America e area del Golfo – sono alcuni degli aspetti che hanno qualificato questa edizione. 

Tendenze a Cersaie 2021

Scopriamo insieme le principali tendenze di Cersaie 2021.

Tendenze in calo

Dopo una ventina di anni in cui ha assolutamente spopolato, il gres effetto legno sta iniziando a lasciare il passo ad altre tendenze. Tanti produttori ancora lo presentano, ma camminando attraverso i numerosi padiglioni della fiera è evidente che ormai non è più il protagonista indiscusso. Difficilmente scomparirà del tutto dal mercato, almeno nei prossimi anni, ma sicuramente lo vedremo meno.

Un’altra tendenza in calo è quella delle piastrelle effetto cementine: hanno rallegrato cucine e bagni, hanno impreziosito pavimenti creando scenografici “tappeti” e ora stanno pian piano scomparendo dalle proposte dei leader di settore.

Tendenze stabili

L’effetto cemento si riconferma anche quest’anno come una delle finiture più proposte e più richieste sul mercato. Declinato in formati sempre più grandi, viene proposto nei classici grigi freddi ma anche in sfumature più neutre o calde, o in varianti colorate. Estremamente liscio o al contrario fortemente grezzo, si inserisce con personalità in tutte le ambientazioni moderne o di sapore industriale.

Gli effetti pietra, sia nelle varianti lucide che opache, nella gamma dei grigi e dei beige, sono certamente una delle finiture più facili da inserire in ogni ambientazione. Spaziano con tranquillità da scenari moderni ad altri più rustici o classici, confermandosi un evergreen del settore.

Tendenze in crescita

In assoluto l’effetto marmo vince lo scettro di protagonista per questa edizione, portando avanti il trend che abbiamo riscontrato anche nel mondo dell’arredo.

Le aziende più prestigiose lo propongono nei grandi formati, riuscendo in alcuni casi a produrre un effetto di specchiatura o di continuità della vena per un effetto altamente scenografico. Interessanti anche gli abbinamenti con gli effetti legno. I colori più in voga sono certamente quelli sui toni freddi del bianco, grigio e nero, ma non mancano tocchi estrosi in verde, blu e sfumature particolari.
Anche gli effetti decorativi basati su motivi vegetali, che siano a tema floreale o tropicale, sono sempre più presenti per portare un tocco di colore e di originalità sulle pareti.
Infine, ma non di minore importanza, l’ultima tendenza che vogliamo sottolineare è quella legata al mondo dell’outdoor (prodotti di spessore 2 cm).

In questo caso è naturalmente l’effetto pietra a farla da padrone con ardesie, quarziti, sampietrini e porfidi declinati in formati sempre più grandi anche a questi spessori. Accanto alla pietra, cresce però anche l’effetto cemento e l’effetto legno indicati per terrazze, bordi piscina e dehors.

Le proposte di Sicer per le ultime tendenze dal mondo della ceramica

In occasione dell’edizione Cersaie 2021, Sicer ha presentato diverse soluzioni per il mondo delle superfici ceramiche in linea con le novità e tendenze del settore dell’arredo e design.

Le graniglie GRA DRY-LUX per superfici effetto marmo

L’esclusiva serie di graniglie GRA DRY-LUX di Sicer nasce per la realizzazione di superfici lappate a specchio con applicazione della graniglia a secco su colla digitale. Si tratta di graniglie perfettamente trasparenti e compatte, studiate per garantire superfici molto brillanti come i marmi, protagonisti dell’ultimo Cersaie, con preciso coefficiente di dilatazione, assenza di porosità ed incredibile profondità del vetro. 

BLACK DIAMOND, la soluzione per superfici lappate lucide di colore nero assoluto

BLACK DIAMOND è la soluzione studiata dal Technology Lab di Sicer per realizzare prodotti lappati lucidi su grafiche di colore nero assoluto. Il vetro perfettamente compatto e trasparente ottenuto con le graniglie della serie BLACK DRY-LUX, abbinato all’inchiostro NERO SPECIALE SCD071E o SCD1071LE progettato specificamente per realizzare marmi neri assoluti, garantiscono:

  • tonalità neutra del colore nero,
  • tono nero saturo, 
  • assoluta trasparenza e brillantezza del vetro, 
  • controllo e gestione della microporosità del vetro nelle diverse condizioni produttive.

Il tutto per risultati senza compromessi: brillantezza, resistenza, purezza!

GRAN LUX, le graniglie per applicazioni a umido

Un altro prodotto presentato dal Technology Lab del colorificio ceramico è il GRANLUX, una serie di graniglie per applicazioni ad umido per lappatura a specchio. GRAN LUX affianca la serie GRA DRY-LUX per applicazione a secco e completa l’offerta di graniglie studiate per ottenere superfici lappate ultra brillanti, trasparenti, compatte e prive di porosità.

Rinnovata gamma di smalti GLR per il mondo dell’outdoor ma non solo

Presentata in anteprima assoluta a Cersaie 2021, troviamo i nuovi smalti della serie GLR, una serie che coniuga perfettamente caratteristiche tecniche ed estetiche in un unico prodotto. Questa innovativa gamma di “speciali smaltiantiscivolo non è comunemente composta da fritte e da singole materie prime aggiunte, ma bensì da materie prime portate allo stato vetroso sapientemente micronizzate applicabili come un comune smalto. Il risultato sono superfici tecniche Hi-Resistance, estremamente gradevoli al tatto ed ottimali per arredare sia ambienti interni residenziali sia aree esterne o commerciali

Gli smalti della rinnovata gamma GLR hanno una precisa granulometria e sono forniti già pronti all’uso e non necessitano quindi di macinazione. A seconda delle esigenze, possono essere forniti al cliente in formato liquido o in formato secco pronto per la sospensione.

La serie GLR soft anti-slip di Sicer garantisce:

  • Una perfetta stesura 
  • Una totale pulibilità 
  • Un’assoluta trasparenza e sviluppo dei colori digitali
  • Una superficie finale totalmente antiriflesso, naturale, materica e gradevole al tatto. 
  • Esito positivo al Test MAZAUD. 

La gamma GLR permette di calibrare la texture della superficie secondo il valore necessario (da R9 a R13) (A+B+C), garantendo i requisiti normativi richiesti in ogni Nazione per la pavimentazione di ambienti pubblici.

Ciò che distingue, però, questa nuova gamma dalla maggior parte degli smalti anti-slip è l’assoluta morbidezza al tatto della superficie finale.

La serie è composta da smalti completamente personalizzabili a seconda delle richieste del cliente e delle condizioni di produzione.

STRUCTURE PER INFINITE STRUTTURE

Ultima novità presentata da Sicer al Cersaie 2021 è stata STRUCTURE, una gamma che permette di creare su ceramica infinite strutture (legni, cementi, ecc..) con la possibilità di matching con grafiche e colori digitali, indipendentemente dal tipo di impianto produttivo utilizzato.

Sicer propone due differenti soluzioni: ATOM-STRUCTURE e DIGITAL-STRUCTURE.

ATOM-STRUCTURE, disponibile nelle due varianti ATS010 e ATS020 a seconda che si voglia ottenere un effetto più o meno marcato, è un prodotto atomizzato calibrato che nasce per essere applicato a monte della linea di smaltatura, direttamente su colla digitale. Il prodotto segue perfettamente il disegno della colla andando a creare il rilievo e la struttura desiderati e dopo la sua applicazione si realizzano tutte le altre abituali fasi della linea di produzione. La gamma ATOM-STRUCTURE è dedicata a superfici a rilievo semi-matt a bassa risoluzione.

DIGITAL-STRUCTURE, invece, è uno strutturante/riservante che, applicato digitalmente all’inizio della linea di smaltatura, prima o dopo lo smaltobbio, non permette alle materie applicate sopra di aderire, generando così a bordo rilievi di materia. La gamma DIGITAL-STRUCTURE è dedicata a superfici antiriflesso ad alta risoluzione.

DIGITAL-STRUCTURE è presente in 2 versioni, materica o non materica.

• SDS030 Riservante (non materico): 40-50 g/m2

• SDS060 Strutturante (materico): 80 g/m2